11 Dicembre 2019

P.O.F.
percorso: Home

Il nostro POF

Piano dell´offerta formativa



PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2017/2018


PREMESSA

Il Piano dell’offerta formativa è elaborato in ottemperanza al D.M. n. 275/1999 e a principi costituzionali di libertà, di integrazione e di parità del servizio formativo e scolastico aperto a tutti i bambini, senza discriminazioni. Adottato dal Consiglio di scuola su proposta del Collegio Docenti, deve essere posto alla conoscenza di ogni genitore.

ANALISI DEL CONTESTO
Caratteristiche del territorio e della comunità sociale in cui la scuola opera:
la scuola è collocata nella fascia montana dell’Appennino Tosco-Emiliano ad un’altitudine di 759 metri s.l.m. . Le particolari condizioni climatiche e le attrattive naturalistiche favoriscono il turismo estivo.
Nel comune di Zocca, negli ultimi anni, il fenomeno dell’immigrazione interna e da aree anche extracomunitarie si è andato estendendo, comportando l’arrivo di nuclei familiari con numerosi figli in età scolastica.
La scuola materna A. Ronchi nasce come lascito del Signor Alfonso Ronchi e viene realizzata dagli zocchesi in collaborazione con le suore canossiane attorno al 1940.
Ora la scuola è gestita da un Consiglio d’Amministrazione composto da cinque membri: un Presidente nominato dal Comune, un Consigliere, un Coordinatore didattico, il Parroco e un Consigliere nominato dai genitori.
L’edificio è stato ristrutturato, arredato e attrezzato; gli spazi sono ampi e ricchi di possibilità.
L’apertura e la chiusura della scuola seguono, nel limite del possibile, le esigenze lavorative del nucleo familiare, mentre le festività coincidono con il calendario scolastico provinciale.

CHI SIAMO
Il personale che opera all’interno della scuola è composto da cinque persone: due insegnanti che si occupano della sezione dell’infanzia, due educatrici presenti nella sezione del nido e una collaboratrice scolastica. La scuola accoglie i bambini da uno a sei anni di età. Attualmente sono presenti 15 bambini nel nido e 28 nella scuola dell’infanzia. La scuola aderisce all’Associazione FISM di Modena.

RISORSE PROFESSIONALI E STRUTTURALI
L’associazione FISM assicura il servizio di coordinamento pedagogico. Inoltre il Centro Consultorio Famiglie della Diocesi attiva, all’occorrenza, offre il Progetto di promozione del benessere al fine di prevenire eventuali difficoltà relazionali dei bambini.
La scuola fruisce del servizio mensa esterno.
Gli spazi a disposizione della scuola sono composti da un’aula e un salone adeguatamente attrezzati, da servizi igienici idonei, da angoli destinati a favorire le autonome iniziative dei bambini. All’esterno è presente un cortile con giardino. Grazie alla recente costruzione di una scala di sicurezza e di accesso esterna, i locali della scuola si sono ampliati anche al piano superiore, nel quale sono presenti un dormitorio e un aula polifunzionale.
La scuola riconosce la necessità di stabilire rapporti con la realtà presente nel territorio:
-parrocchia,
-comune di Zocca,
-scuola primaria statale,
-scuole dell’infanzia statali,
-biblioteca e ludoteca,
-AVIS,
-famiglie dei bambini.

La nostra scuola attua anche diverse iniziative:

promuove la partecipazione delle famiglie e degli operatori organizzando feste (sagra della castagna, cene di autofinanziamento) il cui ricavato viene devoluto interamente all’istituto per arricchire l’offerta educativa,
considera la qualificazione e l’aggiornamento del proprio personale condizione fondamentale dell’impegno educativo. Al personale è fatto obbligo di partecipare alle iniziative di aggiornamento e qualificazione,
è aperta ai contributi della comunità.

SCELTE EDUCATIVE

La nostra scuola, di ispirazione cattolica, accoglie i bambini dai 12 mesi ai 6 anni.
Si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento, nel quale possono essere elaborate le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze.
Propone una pedagogia attiva e delle relazioni che si manifesta nella capacità degli insegnanti di dare ascolto e attenzione a ciascun bambino, nella cura dell’ambiente, dei gesti e delle cose e nell’accompagnamento verso forme di conoscenza sempre più elaborate e consapevoli.
Si definisce luogo di relazioni affettivamente significanti, accoglienti ed emotivamente rassicuranti e luogo nel quale si progetta, si realizza, si verifica e si riflette in una puntualità e concretezza continua di azioni, di esperienze, di proposte e prospettive.
Per ogni bambino e bambina la scuola dell’infanzia si pone la finalità di promuovere lo sviluppo dell’identità, dell’autonomia, della competenza, della cittadinanza.
FINALITA’
Mostrare disponibilità e fornire chiarimenti e rassicurazioni.
Prendere parte al processo di inserimento del figlio.
Informare/informarsi sulle attività educative.
Comunicare in modo chiaro le notizie riguardanti la scuola.
Favorire la partecipazione dei genitori alla vita scolastica.
Porre attenzione all’ambiente del bambino.
Creare, in tempi relativamente brevi, condizioni di benessere e di attività tranquille.
Valorizzare e sviluppare le risorse di ogni alunno.
Conoscere la personalità del bambino.
Far conoscere ad ogni bambino il nuovo ambiente, la nuova realtà.
Far conoscere ai genitori lo spazio-scuola, il regolamento, il Pof, gli obiettivi della scuola e gli organi collegiali.


DIRITTI, PRINCIPI E VALORI ISPIRATORI
La nostra scuola si adopera perché vengano riconosciuti al bambino i propri diritti:

1.diritto alla religiosità,
2.diritto alla sicurezza affettiva e all’autonomia.
3.diritto di scoprire e conoscere,
4.diritto alla socializzazione,
5.diritto ad un servizio educativo- didattico qualificato ed efficace.

Le insegnanti si propongono di avviare i bambini alla conoscenza di sé e degli altri, attraverso esperienze di collaborazione e confronto, al fine di rendere possibili relazioni positive tra pari e con gli adulti. La vicinanza della famiglia è fondamentale perché la scuola possa fare in modo che il bambino raggiunga per gradi uno sviluppo completo.

SCELTE DIDATTICHE

La scuola guida gradualmente l’armonico sviluppo del bambino attraverso un programmazione didattico-educativa, è inoltre attenta a favorire il raggiungimento degli obbiettivi definiti dalle Indicazioni nazionali ministeriali e dai traguardi di sviluppo.

La scuola organizza le attività attraverso una programmazione su progetto, all’interno di essa è previsto l’inserimento di vari laboratori; viene promosso l’aspetto educativo nel rispetto dell’identità, dell’autonomia, delle competenze e della cittadinanza di ogni singolo bambino. La metodologia prevede attività che fanno riferimento ai traguardi per lo sviluppo delle competenze nei diversi campi di esperienza:

IL SE’ E L’ALTRO (Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme)
Traguardi per lo sviluppo della competenza
Il bambino sviluppa il senso dell’identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato.
Sa di avere una storia personale e familiare, conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e sviluppa un senso di appartenenza.
Pone domande sui temi esistenziali e religiosi, sulle diversità culturali, su ciò che è bene o male, sulla giustizia.
Riflette, si confronta, discute con gli adulti e con gli altri bambini, si rende conto che esistono punti di vista diversi e sa tenerne conto.
Consapevole delle differenze, sa averne rispetto.
Ascolta gli altri e dà spiegazioni del proprio comportamento e del proprio punto di vista.
Dialoga, discute e progetta confrontando ipotesi e procedure, gioca e lavora in modo costruttivo e creativo con gli altri bambini.
Sa seguire regole di comportamento e assumersi responsabilità.

IL CORPO IN MOVIMENTO (Identità, autonomia, salute)
Traguardi per lo sviluppo della competenza
Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell’alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa che cosa fa bene e che cosa fa male, conosce il proprio corpo, le differenze sessuali e di sviluppo e consegue pratiche corrette di cura di sé, di igiene e di sana alimentazione.
Prova piacere nel movimento e in diverse forme di attività e di destrezza quali correre, stare in equilibrio, coordinarsi in altri giochi individuali e di gruppo.
Controlla le forze del corpo, valuta il rischio, si coordina con gli altri.
Esercita le potenzialità sensoriali, conoscitive, relazionali, ritmiche ed espressive del corpo.
Conosce le diverse parti del corpo e rappresenta il corpo in stasi e in movimento.

LINGUAGGI, CREATIVITA’, ESPRESSIONE (Gestualità, arte, musica, multimedialità)
Traguardi per lo sviluppo della competenza
Il bambino segue con attenzione e con piacere spettacoli di vario tipo.
Comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente. Inventa storie e si esprime attraverso diverse forme di rappresentazione e drammatizzazione. Si esprime attraverso il disegno, la pittura e altre attività manipolative e sa utilizzare diverse tecniche espressive.
Esplora i materiali che ha a disposizione e li utilizza con creatività.
E’ preciso, sa rimanere concentrato, si appassiona e sa portare a termine il proprio lavoro.
Scopre il paesaggio sonoro attraverso attività di percezione e produzione musicale utilizzando voce, corpo e oggetti.

I DISCORSI E LE PAROLE (Comunicazione, lingua, cultura)
Traguardi per lo sviluppo della competenza
Il bambino sviluppa la padronanza d’uso della lingua italiana e arricchisce e precisa il proprio lessico.
Sviluppa fiducia e motivazione nell’esprimere e comunicare agli altri le proprie emozioni, le proprie domande, i propri ragionamenti e i propri pensieri attraverso il linguaggio verbale, utilizzandolo in modo differenziato e appropriato nelle diverse attività.
Racconta, inventa, ascolta e comprende le narrazioni e la lettura di storie, dialoga, discute, chiede spiegazioni e spiega, usa il linguaggio per progettare le attività e per definirne le regole.
Formula ipotesi sulla lingua scritta e sperimenta le prime forme di comunicazione attraverso la scrittura, anche utilizzando le tecnologie.

LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)
Traguardi per lo sviluppo della competenza
Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta e valuta quantità; utilizza semplici simboli per registrare; compie misurazioni mediante semplici strumenti.
Colloca correttamente nello spazio se stesso, oggetti, persone; segue correttamente un percorso sulla base di indicazioni verbali.
Si orienta nel tempo della vita quotidiana.
Riferisce eventi del passato recente dimostrando consapevolezza della loro collocazione temporale; formula correttamente riflessioni e considerazioni relative al futuro immediato e prossimo. Coglie le trasformazioni naturali.
Osserva i fenomeni naturali e gli organismi viventi sulla base di criteri o ipotesi, con attenzione e sistematicità.
Prova interesse per gli artefatti tecnologici, li esplora e sa scoprirne funzioni e possibili usi.
E’ curioso, esplorativo, pone domande, discute, confronta ipotesi, spiegazioni, soluzioni e azioni.
Utilizza un linguaggio appropriato per descrivere le osservazioni o le esperienze.

ATTIVITA’ DIDATTICHE

Vedi programmazione didattica che verrà consegnata durante i primi mesi dell’anno scolastico.

La scuola dell’infanzia, rilevata l’esigenza primaria di garantire il diritto dell’alunno a un percorso formativo organico, prevede il PROGETTO DI CONTINUITA’:
sezione nido- scuola dell’infanzia,
scuola dell’infanzia Ronchi-scuole dell’infanzia statali e scuole dell’infanzia-primo ciclo scuola primaria attraverso incontri e programmi da realizzare insieme.

DOCUMENTAZIONE E VERIFICA DEL LAVORO
La documentazione e la verifica del lavoro verranno svolte attraverso la raccolta e il commento delle varie fasi dello svolgimento dei laboratori e delle attività durante l’anno. L’insegnante commenterà e valuterà i progressi dei bambini attraverso i loro elaborati e l’osservazione delle competenze individuali maturate.

Le insegnanti ricevono individualmente le famiglie 2 volte all’anno ( GENNAIO- MAGGIO ).
I genitori, previo appuntamento, possono richiedere un colloquio con le insegnanti e la Coordinatrice pedagogica anche in altri periodi.

SCELTE ORGANIZZATIVE

ORGANI COLLEGIALI
Sono istituiti i seguenti organi collegiali:

Collegio dei docenti di scuola
Consiglio di scuola
Assemblea generale dei genitori

Il COLLEGIO DEI DOCENTI DI SCUOLA è composto dal personale insegnante e non docente in servizio ed è convocato dalla coordinatrice didattica.
Esso:
1.cura la programmazione dell’azione educativa e dell’attività didattica,
2.formula proposte ai membri del Consiglio di amministrazione per quanto riguarda l’organizzazione della stessa,
3.esamina i casi di alunni che presentano difficoltà di inserimento, allo scopo di individuare le strategie più adeguate per una loro utile integrazione,
4.predispone il P.O.F. che viene reso pubblico mediante consegna alle famiglie.

IL CONSIGLIO DI SCUOLA è costituito dai docenti, dai non docenti, dalla coordinatrice didattica e da quattro genitori e dura in carica tre anni , è convocata dal Presidente almeno due volte all’anno e ogni qualvolta specifiche esigenze lo richiedano su problemi di carattere educativo, pedagogico, organizzativo ed ha lo scopo di agevolare i rapporti tra docenti-genitori-bambini. Esso esamina la relazione programmatica dell’attività della scuola, esprime il parere in ordine al POF e di altre iniziative scolastiche progettate per il miglioramento della qualità e l’ampliamento dell’offerta formativa.

L’ASSEMBLEA GENERALE DEI GENITORI è composta da tutti i genitori dei bambini iscritti e viene convocata, su loro richiesta, dai rappresentanti di sezione previa comunicazione al Presidente.


ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA
La giornata dei bambini della Scuola materna e del Nido è scandita secondo il seguente schema:

7:30/9:00 Ingresso e gioco libero (8,30 divisione delle sezioni)
9:30/10:00 Riordino, igiene personale e spuntino
10/11:45 Attività didattico-creative a gruppi misti o omogenee. Attività grafica libera
11:45/13.15 Igiene personale e pranzo
13:15/13:50 Gioco guidato o lettura
13:50/14 Igiene personale
14/15:50 Riposo pomeridiano
14/15:50 Attività didattiche per i bambini di 5 anni
16/16:30 Merenda
16:30/17:30 Gioco libero e uscita

L’uscita per chi rimane solamente al mattino può avvenire alle ore 12:00.
Nelle fasce orarie 9:00-12:00 e 13:30/16:30 il regolamento vieta l’ingresso e l’uscita dei bambini.
I bimbi potranno uscire dall’asilo esclusivamente con i propri genitori; in caso di impedimento questi ultimi potranno delegare per iscritto un’altra persona conosciuta dal personale della scuola.

AUTONOMIA RICERCA E SVILUPPO

FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI
La scuola aderisce alle iniziative di formazione e di aggiornamento organizzate dalla FISM di Modena e dal comune di Zocca. I temi trattati nel corso di quest’anno riguardano la valutazione e il miglioramento della qualità.
Parte del personale sta integrando la propria formazione professionale seguendo corsi di studio specifici presso la facoltà di Scienze della Formazione dell’università di Bologna.



DOCUMENTAZIONE
Consente di fare memoria della scuola, di non disperdere il patrimonio di esperienze effettuate, consolida l’immagine della scuola e sostiene la continuità didattica ed educativa con le altre scuole del territorio. Si concretizza nei cartelloni, nei fascicoli che attestano con disegni e fotografie le iniziative intraprese.
La predisposizione della documentazione delle competenze dei bambini è lasciata alla piena autonomia della scuola. Essa non assume valore certificativo o valutativo, ma è esclusivamente di sostegno all’attività di apprendimento o con finalità documentative. I criteri generali per la documentazione e la valutazione vengono definiti dal Collegio dei Docenti.

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO
Le direttive regionali prevedono varie opzioni: la scelta della scuola è di privilegiare momenti di compresenza con i bambini grazie alla collaborazione di esperti, sulla base dei percorsi progettuali concordati.
La scuola è inserita nella rete della scuole FISM del distretto di Vignola, attivata per attuare i progetti di miglioramento dell’azione didattica con il sostegno economico della Provincia di Modena. A integrazione del progetto sono previsti incontri di formazione in collaborazione con l’Unione Terre dei Castelli e momenti di autovalutazione.

siti web www.sitovistoso.it